Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


ASSICURAZIONI, PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE DA PARTE DI UNIPOLSAI, GENERALI E ALLIANZ: L’ANTITRUST AVVIA INDAGINE

Ispettori della Guardia di Finanza nelle sedi di UnipolSai Assicurazioni, Generali Italia e Allianz, a seguito dell’avvio, da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, di tre procedimenti istruttori, per presunte pratiche commerciali scorrette nella fase di liquidazione dei danni da sinistri Rc auto.

Tutte e tre compagnie avrebbero ostacolato il diritto dei consumatori danneggiati ad accedere agli atti dei fascicoli dei sinistri attraverso comportamenti dilatori, ostruzionistici o di ingiustificato diniego alle istanze presentate; in questo modo, avrebbero impedito ai titolari del diritto al risarcimento di conoscere la modalità di gestione della propria richiesta e i criteri di quantificazione della cifra proposta.

Generali e Allianz avrebbero attuato un’ulteriore pratica commerciale aggressiva, richiedendo documentazione ritenuta necessaria per la liquidazione del danno nonostante fosse stata già trasmessa al liquidatore della compagnia o fosse già nella loro disponibilità, violando in questo modo i tempi previsti dalla legge per l’espletamento della procedura liquidativa  e, più in generale, i diritti che derivano dal contratto di assicurazione Rc Auto.

UnipolSai e Generali, infine, avrebbero realizzato una pratica commerciale ingannevole, non indicando i criteri di quantificazione del danno nella fase di formulazione dell’offerta risarcitoria o le motivazioni sottese al rifiuto del risarcimento: condotta che, se verificata, non consentirebbe ai danneggiati di decidere a ragion veduta se accettare o meno la proposta della compagnia.

Venezia, 02 dicembre 2020