Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Yahoo! milioni di mail spiate e passate agli 007

Non c’è pace per Yahoo!: nella delicata fase della conclusione delle trattative che dovrebbero portare all’acquisto del pioniere di internet da parte del colosso delle tlc Verizon per la cifra di 4,8 miliardi di dollari, arriva la notizia che il gruppo guidato da Merissa Mayer avrebbe scannerizzato in gran segreto milioni di indirizzi di posta elettronica dei propri utenti, mettendoli poi a disposizione dei servizi segreti statunitensi, dall’Fbi alla National Security Agency. Una vera e propria nuova bufera che arriva a pochi giorni dall’accusa di aver tenuto all’oscuro i propri clienti di attacchi hacker attraverso cui sarebbero state rubate nel 2014 informazioni private a 500 milioni di suoi iscritti. A rivelarle le nuove indiscrezioni è l’agenzia Reuters, che tra le fonti cita due ex dipendenti del gigante del web. Per gli esperti si tratterebbe del primo caso in cui una società fornitrice di servizi internet permette alle agenzie di intelligence Usa di controllare tutte le email in arrivo, compresi gli allegati.

Sempre secondo le fonti, l’amministratore delegato di Yahoo!, Merissa Mayer, avrebbe obbedito alla richiesta di informazioni da parte degli 007, nonostante l’opposizione di alcuni dei vertici di Yahoo.

Tutti gli altri giganti Usa del web, da Google a Microsoft passando per Apple, prendono le distanze da questo comportamento e  affermano che, anche se fosse arrivata una richiesta del genere, la loro risposta sarebbe stata assolutamente negativa, ma anzi che se fosse accaduto “ci saremmo opposti davanti alla Corte”.

Mestre, 14 ottobre 2016