Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Wi-fi gratis nei locali: attenzione al suo utilizzo

In molti hotel ed altri esercizi commerciali, oggi è possibile collegarsi gratuitamente al wi-fi. Si tratta senza dubbio di una comodità che però potrebbe causare qualche problema. Se ad esempio, un cliente di un hotel scarica della musica o film pirata, violando le regole del copyright.

Responsabile dell’illecito sembrerebbe a prima vista la persona che si è connessa al wi-fi, in realtà la polizia postale, risalendo agli estremi della connessione, individua immediatamente il titolare dell'esercizio sul quale ricadrà ogni addebito.

Ma è cambiato qualcosa: con sentenza C 484/14 del 15.9.2016 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha modificato la suddetta impostazione stabilendo, che il titolare del diritto d'autore violato, per poter ottenere il risarcimento dovrà rivolgersi non al proprietario del locale bensì a colui che ha effettuato la connessione internet.

Quindi il gestore/proprietario del locale risulta essere solo un intermediario che ha la funzione di vettore nel trasporto dei dati attraverso il "proprio" wi-fi.

La Corte Europea ha  tuttavia stabilito inoltre, che per ovviare alla difficoltà nel rintracciare il responsabile, il titolare del diritto d'autore può chiedere che il gestore si doti, obbligatoriamente, di una password che verrà utilizzata da tutti coloro che utilizzano il wi-fi e che saranno quindi obbligati a registrarsi per poter usufruire del servizio, e sarà così individuabile velocemnte il responsabile dell'illecito. Solo a questa condizione il gestore/proprietario non sarà ritenuto responsabile dell'azione di pirateria posta in essere dal proprio cliente.

Mestre, 30 settembre 2016