Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Federconsumatori: attenzione il numero 414 di Vodafone diventa a pagamento

L’ultima trovata di Vodafone batte ogni record di assurdità: a partire dal 18 settembre l’utente per conoscere il proprio credito dovrà pagare. “Un vero paradosso!” denuncia Federconsumatori che segnala subito la cosa all’Agcom.

L’azienda ha disposto una modifica del servizio di informazione fornito con i numeri 404 e 414 per i propri clienti ricaricabili e il 414, usato per conoscere il credito residuo della propria Sim, diventerà a pagamento con tariffazione secondo il piano della Sim. La Vodafone specifica, infatti, che i minuti inclusi nell’offerta non subiranno alcuna variazione, ma non comprenderanno le chiamate al 414.

Inoltre il servizio 404, per ricevere informazioni sul credito residuo e ultimo addebito tramite SMS, non sarà più attivo: la verifica da parte dell’utente potrà essere effettuata tramite accesso all’App My Vodafone o accedendo tramite login al sito Vodafone.it. 

La condotta di Vodafone viola palesemente la delibera dell’Agcom 252/16/Cons, “Misure a tutela degli utenti tesa a favorire la trasparenza e la comparazione delle condizioni economiche dell’offerta dei servizi di comunicazione elettronica”, che prevede l’obbligo da parte dell’azienda di fornire all’utente, gratuitamente, ogni informazione utile alla comparazione ed alla scelta consapevole dell’offerta.

In alternativa a questa modifica unilaterale, Vodafone offre agli utenti unicamente la possibilità di recedere dal contratto entro 30 giorni. In definitiva al cliente non viene data la possibilità di rimanere con il profilo tariffario scelto e concordato con il gestore mettendo così in atto non solo una pratica commerciale scorretta, ma anche un illecito, contravvenendo alla disposizione della delibera citata.

Per questo abbiamo segnalato all’AGCOM tale comportamento, invitando l’Autorità ad intervenire prontamente per sanzionare questo ennesimo intollerabile sopruso da parte della compagnia.

Mestre, 16 settembre 2016