Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Agcom: stop alle tariffe di roaming non conformi al regolamento europeo

 L’AgCom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha avviato un procedimento sanzionatorio, verso H3G (3Italia), per inottemperanza alla diffida del 20 luglio scorso, questo terzo procedimento va ad aggiungersi a quelli già avviati nei confronti di TIM e WIND per inottemperanza alle diffide del 31 maggio 2016. Diffide con le quali si intimava ai tre operatori l’adozione di misure adeguate ad assicurare il pieno rispetto delle disposizioni europee in materia di tariffe del servizio di roaming al dettaglio.

La normativa impone agli operatori di consentire all'utente di pagare, in roaming all'interno dell'Unione europea, solo un sovrapprezzo di 5 centesimi al minuto per le chiamate in uscita, (contro i 19 centesimi) 1 centesimo per quelle in entrata (anzi che 5 centesimi), 2 centesimi per sms ( contro 6 centesimi) e 5 cent per MB di internet (più Iva) contro 20 centesimi finora addebitati.

Il sovrapprezzo si aggiungerebbe a quanto l'utente paga a casa. Poichè quasi tutti utilizzano tariffe flat, con traffico incluso nel canone, dovrebbero pagare solo il sovrapprezzo quando sono in roaming.

«I tre operatori, nonostante le nostre diffide dei mesi scorsi, non sono riusciti a adeguare i propri sistemi a quel tipo di tariffa con sovrapprezzo - dicono dall'Autorità - Invece, hanno proposto solo tariffe alternative a quella imposta dalla Commissione: flat dedicate al roaming». «Dopo le nostre diffide- continuano da Agcom- hanno migliorato queste flat, negli ultimi giorni. Ma ancora non basta: l'utente ha diritto a pagare secondo quanto richiesto dalla Commissione ».

Questo procedimento sanzionatorio sui tre operatori apre la porta alla possibilità di rimborsi per gli utenti che a partire dal 30 aprile (quando è scattata la normativa europea) hanno fatto traffico in roaming.
Dal 15 giugno 2017 finalmente decorrerà la tariffa unica europea con l’abolizione del costo di roaming e e si potrà telefonare e navigare anche negli altri paesi dell’Unione Europea sostenendo la stessa tariffa che si utilizza nella nazione di provenienza.

Mestre, 19 agosto 2016