Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Tlc: Necessario un pronunciamento esemplare da parte dell'Antitrust, con sanzioni e rimborsi

Molti utenti continuano a ricevere la comunicazione, da parte del proprio operatore di telefonia mobile, in merito alla modifica unilaterale del contratto che porta la sua validità da un mese a quattro settimane. "Costo e contenuto dell'offerta rimangono invariati" recita il messaggio, ma nella realtà non è così! Gli utenti, infatti, spenderanno di più: a parità di costo e, nella maggior parte dei casi anche a parità di condizioni (minuti e GB a disposizione), diminuisce il tempo di validità dell'offerta.
Se prima l'addebito avveniva ogni 30 giorni, dopo sarà effettuato ogni 28 giorni.
Un escamotage attraverso il quale le compagnie hanno creato una sorta di "tredicesime mensilità", addossando agli utenti un aumento medio dell'8%.

Abbiamo vivacemente protestato contro tale pratica sin dalle sue prime attuazioni, avvenute in estate.

A maggior ragione dal momento che tali modifiche sono state operate da ben 4 operatori su 5.
Anche su nostra sollecitazione è intervenuta l'AGCOM, su indicazione della quale l'Antitrust ha avviato un'indagine. Ora attendiamo il pronunciamento di quest'ultima, dalla quale ci aspettiamo non solo delle sanzioni esemplari per le pratiche commerciali scorrette messe in atto da parte delle compagnie, ma anche la possibilità di recesso gratuito per tutti gli utenti (anche oltre i 30 giorni previsti), nonché il rimborso di quanto pagato in più dagli utenti a causa di tale modifica arbitraria dell'offerta.

Mestre, 3 marzo 2016